Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In concomitanza con la stagione estiva una "nuova forma di accattonaggio" è comparsa sulle strade del canton Grigioni: la richiesta di soldi per fare il pieno di benzina. La polizia cantonale mette in guarda gli automobilisti: è una truffa.

Negli scorsi giorni - si legge in una nota - la polizia si è trovata confrontata a più riprese con un nuovo fenomeno: una persona sul bordo della strada cerca di fermare i veicoli in transito e con la scusa di essere rimasta a secco chiede dei contanti per far il pieno della propria macchina. Gli episodi si sono verificati in varie località del cantone, ad esempio sulla Deutsche Strasse tra Coira e Trimmis e sulla semiautostrada A13 all'altezza di Reichenau.

In un altro caso, un automobilista è stato sorpassato da una vettura e indotto a fermarsi dal suo conducente, che ha immediatamente azionato i lampeggiatori di emergenza. Una volta fermo, all'automobilista è stato chiesto denaro per fare il pieno di benzina. In altri casi gli sconosciuti accattoni del pieno hanno offerto in contropartita dei gioielli, in quanto, a loro dire, avevano smarrito la carta di credito per fare benzina.

Considerato che "con molta probabilità dietro le richieste di denaro si nasconde una truffa" e vista la pericolosità delle manovre, la polizia sconsiglia agli automobilisti di fermarsi e di dare denaro a sconosciuti. Il pericolo di essere coinvolti in un incidente stradale è tutt'altro che ipotetico, rileva: un motociclista ha tamponato un'auto che lo precedeva, in quanto non si era accorto per tempo che il conducente si era fermato. Fortunatamente non si sono avuti feriti, conclude la nota.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS