Navigation

GR: Repower deve intervenire sui deflussi nel Poschiavino

Il Governo ha intimato a Repower AG di intervenire alla centrale Robbia (Valposchiavo) per eliminare gli effetti dello sfruttamento della forza idrica, pianificando misure di risanamento entro l'estate del 2024. Repower sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 febbraio 2020 - 11:33
(Keystone-ATS)

Repower deve intervenire per eliminare gli effetti dello sfruttamento della forza idrica sul Poschiavino. Entro l'estate 2024 dovrà presentare al Cantone delle misure realizzabili per raggiungere tale scopo. Lo indica oggi il governo grigionese.

In Val Poschiavo la Repower AG gestisce la centrale Robbia. Questa centrale, come precisa un comunicato diramato dall'esecutivo retico, provoca variazioni di deflusso e del livello dell'acqua nel torrente Poschiavino. Variazioni che vengono appunto causate dai deflussi discontinui a valle provenienti della centrale.

Il Governo ha dunque intimato al gestore di pianificare e di attuare misure di risanamento volte a eliminare questi scompensi.

La centrale di Robbia, entrata in esercizio nel 1910 e ampliata nel secondo dopoguerra, ha una produzione annua di 99,6 Gigawattora (GWh/a).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.