Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ricostruzione dell'esemplare di sauro grigionese della specie "Eusaurosphargis dalsassoi".

(Beat Scheffold, Istituto e Museo paleontologico, Università di Zurigo

(sda-ats)

Un piccolo sauro vecchio ben 241 milioni di anni sta per fare ritorno nei Grigioni, dove 15 anni fa alcuni ricercatori dell'Università di Zurigo ne hanno rinvenuto i resti.

L'esemplare, interamente ricostruito grazie al buono stato dello scheletro, troverà casa presso il Museo della Natura a Coira.

Secondo il team svizzero-britannico di ricercatori, il sauro, che appartiene alla specie "Eusaurosphargis dalsassoi", proviene dal bacino marino di una vicina isola e sarebbe stato trasportato, dopo la morte, insieme a depositi e sedimenti marini.

Lungo circa 20 centimetri, il rettile ritrovato era un animale piccolo e ancora giovane. I fossili furono trovati con resti di pesci ed altri animali marini tra le rocce sedimentarie della formazione Prosanto, nei pressi del passo alpino Ducanfurgga, ad un'altitudine di 2.740 metri a sud di Davos, nel cantone Grigioni.

Questo tipo di dinosauro è stato descritto per la prima volta in seguito al ritrovamento di resti parziali nella zona del Monte San Giorgio, annoverata tra i siti patrimonio dell'Unesco e tra i più importanti giacimenti fossiliferi. La nuova scoperta sulle montagne dei Grigioni, invece, è molto ben conservata, scrivono i ricercatori dell'Università di Zurigo, e permette di ricostruire per la prima volta lo scheletro e le sembianze di questo animale.

Quest'estate il piccolo sauro tornerà nel cantone retico. Il Museo della Natura dei Grigioni ha infatti comunicato in una nota odierna che lo scheletro troverà a Coira la sua nuova "casa". La scoperta ed i resti verranno presentati mercoledì prossimo, 5 luglio.

Il museo ha anche fornito una descrizione di com'era la zona dei Grigioni nell'epoca di vita del dinosauro, ovvero 241 milioni di anni fa: invece che tra alte montagne, la piccola lucertola si sarebbe beata al sole, sulla spiaggia di un'isola simile addirittura a quella delle attuali Bahamas.

SDA-ATS