Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La riforma territoriale non potrà essere attuata a partire dal primo gennaio 2015, come inizialmente previsto. Indipendentemente dalla riuscita del referendum - la cui scadenza è il 6 agosto - il tempo a disposizione è troppo breve, afferma il governo cantonale in un comunicato odierno.

L'entrata in vigore della nuova normativa - che prevede undici regioni in sostituzione di altrettanti distretti, 14 corporazioni regionali e 39 circoli - dovrebbe slittare di un anno, ovvero al 2016.

SDA-ATS