Le disposizioni per le grandi banche, quelle cioè che presentano un rischio sistemico ("too big to fail"), non bastano più. È quanto ha dichiarato il direttore dell'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA), Mark Branson, ai giornali Bund e Tages-Anzeiger.

Prima ancora dell'attuazione degli adeguamenti legislativi già decisi dal Consiglio federale, Branson si è detto disposto a un nuovo rafforzamento della regolamentazione.

"Siamo sulla buona strada, ma molto rimane ancora da fare", ha dichiarato il direttore della FINMA. A suo avviso, la sicurezza è sicuramente aumentata, ma non tutti i problemi sono stati risolti. Anche quando tutte le esigenze della legge attuale saranno soddisfatte, "altri adeguamenti saranno necessari", ha aggiunto Branson.

Stando a un rapporto pubblicato in febbraio dal professore di economia Aymo Brunetti, occorre attuare provvedimenti per aumentare ulteriormente la resistenza delle banche di rilevanza sistemica, rendendo possibili il risanamento o la liquidazione senza costi per i contribuenti.

Per queste ragioni, il direttore della FINMA raccomanda di rafforzare le esigenze in materia di fondi propri. Nel mirino dell'Autorità di vigilanza vi sono in particolare i cosiddetti "leverage ratio", ovvero i fondi propri non ponderati in funzione del rischio.

Secondo Branson, la Svizzera dovrebbe appartenere ai Paesi leader a livello mondiale in materia di fondi propri ponderati e non ponderati per le grandi banche. "In questo ambito taluni Paesi ci hanno raggiunto, o persino superato", ha sottolineato.

In Svizzera, le banche di rilevanza sistemica sono UBS, Credit Suisse, il Gruppo Raiffeisen, la Banca cantonale zurighese (ZKB) e PostFinance. Questi istituti presentano infatti un "rischio sistemico", ovvero un loro dissesto finanziario provocherebbe un grave danno all'economia e al sistema finanziario elvetici. Devono quindi soddisfare esigenze più severe in materia di fondi propri e liquidità.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.