Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Gli impiegati che lavorano in grandi uffici presentano più sintomi e rimangono maggiormente assenti per malattia rispetto agli altri. Chi lavora in un ufficio piccolo è invece in genere più contento del suo lavoro ed è anche più produttivo. È quanto conclude uno studio svolto dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO) in collaborazione con la Scuola universitaria professionale per la tecnica e l'architettura di Lucerna.
Per questa "Inchiesta svizzera negli uffici", pubblicata oggi, sono state interpellate in 125 imprese 1230 persone tra i 16 e i 65 anni, per il 56% uomini, da marzo a metà aprile 2009.
I fattori ambientali che più creano disagi sono il rumore nel locale (colleghi che parlano fra di loro mentre si sta lavorando, telefoni che squillano), l'aria secca o viziata, i problemi di temperatura (spesso troppo bassa nei grandi uffici e troppo alta nei piccoli), una luce insufficiente e le correnti d'aria. In generale, l'ambiente è giudicato meno buono nei locali con un impianto di ventilazione che in quelli che dispongono di un'aerazione naturale.
I sintomi legati al lavoro menzionati più spesso sono pruriti, occhi irritati, difficoltà di concentrarsi, la sensazione di avere la testa pesante, cefalee e spossatezza. Nei piccoli uffici sono sensibilmente meno frequenti che nei grandi, rileva la SECO. Ne consegue logicamente che sono maggiori anche le assenze per malattia.
La soddisfazione generale sul lavoro è maggiore nei piccoli uffici, dove chi è occupato viene interrotto meno spesso e dove il lavoro stesso è in genere giudicato più attrattivo. Stando allo studio, il principale fattore potenziale di conflitti sono i rumori e altri elementi di disturbo che impediscono di lavorare tranquilli e concentrati.
La SECO spera che gli aspetti rivelati dall'indagine saranno dovutamente considerati nella pianificazione e nell'utilizzo degli uffici, in particolare di quelli di grandi dimensioni, dove sarebbe benevenuto il ricorso a separazioni spaziali volte a ridurre il rumore. Anche gli impianti tecnici - aerazione, ventilazione, illuminazione - dovrebbero essere adattati ai bisogni dei dipendenti. Simili provvedimenti, afferma la Segreteria di Stato dell'economia, consentirebbero alle imprese di evitare costi a medio e lungo termine risultanti da un alto tasso di assenze.

SDA-ATS