Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Grecia rischia di andare alle elezioni anticipate - un'eventualità destabilizzante per il Paese alle prese con una grave crisi economica - qualora i 18 deputati del partito di estrema destra Chrysi Avgì (Alba Dorata, noto per essere filonazista) decidessero di lasciare tutti insieme il Parlamento come ha minacciato il loro leader Nikos Michaloliakos "per difendere - come ha detto - l'onore del partito".

La minacciosa presa di posizione di Michaloliakos è venuta in seguito alle indagini aperte dalla magistratura su Alba Dorata dopo l'omicidio del rapper antifascista Pavlos Fyssas, 34 anni, ucciso a coltellate il 27 settembre ad Atene da un militante del gruppo neo-nazi, il camionista Giorgos Roupakias, 45 anni. Il leader di Alba Dorata teme che le indagini dei giudici arrivino a dimostrare che il suo partito è un'organizzazione criminale e, parlando ai giornalisti accreditati in Parlamento, ha lasciato aperta ogni eventualità non escludendo nemmeno le dimissioni di tutti i parlamentari del suo gruppo.

"Se il Paese entrasse in una nuova fase di destabilizzazione non sarà per colpa di Alba Dorata ma per colpa di coloro che la demonizzano e la colpiscono in modo così sporco e illegale", ha aggiunto Michaloliakos. L'annuncio del capo di Alba Dorata arriva a poche ore dall'inquietante iniziativa del sindacato dei riservisti delle forze speciali dell'esercito (Keed) che, con un documento pubblicato sul proprio sito web, ha chiesto le dimissioni del governo di coalizione e la formazione di un nuovo esecutivo sotto la guida del presidente della Corte Suprema, proprio come fecero i colonnelli nel 1967 con l'allora presidente della Corte Suprema, Constantinos Kollas. Ieri sera, comunque, il Keed ha diffuso un altro comunicato in cui ha negato di avere intenzioni golpiste. Dal canto suo, il portavoce del governo Simos Kedikoglou, dopo aver definito la vicenda "seccante", ha affermato che "la maggior parte degli uomini che fanno parte delle forze armate è fedele alla democrazia".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS