Navigation

Grecia; camionisti non mollano, resta assedio Atene

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 settembre 2010 - 08:43
(Keystone-ATS)

ATENE - I camionisti greci, che da undici giorni scioperano contro la liberalizzazione della loro professione che giudicano "ingiusta", non mollano e mantengono la mobilitazione intorno ad Atene e Salonicco con oltre mille camion.
Durante la notte sono stati tolti i blocchi stradali che avevano interrotto ieri le principali vie di comunicazione nazionali dopo l'approvazione da parte del parlamento della contestata legge sulla liberalizzazione del settore. Ma gli autotrasportatori si riservano eventuali nuove azioni a sorpresa mentre per domani è convocata una riunione per decidere il futuro della protesta.
I proprietari delle autocisterne hanno da parte loro indetto una riunione per oggi, forse per decidere autonomamente la linea da seguire.
Ieri i camionisti, che per quasi due giorni sono rimasti accampati davanti al parlamento, avevano bloccato per diverse ore le autostrade Atene-Salonicco e Atene-Corinto nonchè la Via Egnatia, che va da est a ovest, e svincoli intorno alla capitale e Salonicco, creando grandi ingorghi di traffico.
La protesta degli autotrasportatori, che ferma oltre 4.000 Tir, sta provocando problemi all'industria e al commercio, mentre si teme una penuria di carburante che colpirebbe anche il turismo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?