Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ben 53 membri del Comitato Centrale di Syriza, al governo, si sono dimessi oggi criticando duramente l'inversione a "U" fatta dalla dirigenza del partito e dal suo leader, l'ex premier Alexis Tsipras, circa le promesse elettorali fatte lo scorso gennaio ai greci.

Lo riferisce l'edizione online del quotidiano To Vima citando un comunicato diffuso dal gruppo di dimissionari in cui si parla di "sviluppi che finiranno nella storia della sinistra in colori tetri".

I 53 attaccano quindi la decisione del premier uscente di indire elezioni anticipate senza aver previamente consultato il Comitato Centrale del partito. "Come membri del Comitato Centrale non possiamo accettare un nuovo memorandum... che darà il colpo di grazia ad un popolo già devastato", è scritto fra l'altro nel documento.

Si prevede che i 53 esponenti di Syriza passeranno nelle fila di Unità popolare, il partito fondato la settimana scorsa dall'ex ministro dell'Energia Panayiotis Lafazanis dopo la scissione da Syriza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS