Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Il deficit di bilancio della Grecia procede meglio rispetto all'obiettivo di riduzione all'8,1% del Pil nel 2010, e nei primi sei mesi dell'anno si e' attestato al 4,9%, meglio del 5,8% fissato come target.
Lo ha detto il ministro delle Finanze George Papaconstantinou, secondo la Bloomberg.
Papaconstantinou ha detto di attendersi che il prodotto interno lordo segni un calo di circa il 3% nel secondo trimestre. Tuttavia la previsione di un -4% per l'intero anno potrebbe dimostrarsi ''eccessivamente pessimistica''.
La Grecia si aspetta - ha aggiunto il ministro - che l'ultima tranche del prestito dell'Unione europea e del Fondo monetario internazionale, da 9 miliardi di euro, sia sborsata fra fine agosto e inizio settembre.
Intanto il governo procede con il programma concordato e con le dismissioni, che includeranno hellenic Rail, la rete ferroviaria nazionale. Papaconstantinou spera che il Tesoro possa tornare a finanziarsi sui mercati finanziari (attraverso l'emissione di titoli di Stato) nel 2011, contro una scadenza fissata fino al 2012.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS