Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Gli effetti della crisi greca sulla Svizzera dipendono soprattutto dalla reazione dei mercati finanziari. Il centro di ricerche congiunturali BAKBASEL ha allestito tre scenari, di cui attualmente non vuole considerare nessuna la più probabile.

Sebbene una dissoluzione dell'Eurozona rappresenti un'evenienza poco probabile, bisogna rifletterci a causa delle massicce conseguenze, afferma l'istituto. Se i mercati finanziari si convincessero invece che non sussiste il rischio di un contagio ad altri paesi, l'incertezza resterebbe limitata alla Grecia e la "corsa al franco" rimarrebbe modesta.

"In tal caso l'economia elvetica sarebbe confrontata solamente a un piccolo colpo dovuto alla domanda congiunturale, che a medio termine eventualmente potrebbe perfino essere più che compensata", scrivono gli esperti di BAKBASEL.

Per la Svizzera, la Grecia non costituisce un partner commerciale di rilievo. "Gli scambi sono minimi", spiega l'economista della banca Vontobel Ralf Weidenmann all'agenzia di stampa finanziaria AWP.

Nel 2013, Berna ha esportato verso il paese ellenico beni per 906 milioni di franchi, pari ad appena lo 0,4% dell'export complessivo. Pertanto Weidenmann non si attende conseguenze dirette sull'economia elvetica, fintanto che il franco non si apprezza massicciamente. Se ciò invece accadesse, o si verificasse anche un rallentamento congiunturale nell'Eurozona, sono prevedibili effetti indiretti.

Stando a un commento del Credit Suisse, fino al referendum del 5 luglio i mercati dovrebbero reagire tipicamente voltando le spalle ai rischi, cosa che sosterrebbe i titoli di Stato di paesi "solidi". Quanto al franco, l'istituto ritiene che la Banca nazionale svizzera reagirebbe a un'eventuale pressione, sia verbalmente che attraverso interventi diretti sui mercati valutari. Anche un ulteriore taglio dei tassi d'interesse, già negativi, è immaginabile.

Secondo la tedesca Commerzbank la reazione dei mercati finanziari agli sviluppi del fine settimana significa che un'uscita dalla Grecia dall'Eurozona viene ora presa in considerazione. Se ciò si verificasse per davvero, il mercato delle divise difficilmente reagirebbe in maniera più forte di adesso. L'euro ha perfino il potenziale di riprendersi.

Più scettico un commentatore della banca americana Merrill Lynch: "questi eventi condurranno a un ritorno alla tendenza al ribasso del corso" della valuta unica europea. Se così fosse, il franco si ritroverebbe sotto una pressione al rialzo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS