Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Atene sarà oggi il fulcro della protesta dei dipendenti delle autonomie locali di tutta la Grecia in vista della votazione (programmata in serata) del disegno di legge voluto dal governo che prevede, tra l'altro, la messa in mobilità del personale della polizia municipale, del corpo delle guardie degli edifici scolastici e degli insegnanti delle scuole medie.

Da Patrasso, secondo quanto riferisce il sito Zougla gr., decine di dipendenti del Comune e insegnanti delle scuole medie sono partiti stamani all'alba a bordo autobus diretti ad Atene per partecipare alle manifestazioni di protesta organizzate dalla Federazione nazionale dei Lavoratori delle Autonomie Locali (Poe-Ota) e dai due maggiori sindacati della Grecia, Adedy e Gsee, che raggruppano rispettivamente i dipendenti del settore pubblico e quelli del settore privato.

Punto d'incontro sarà ancora una volta la centralissima piazza Klathmonos, dove per le 11 è prevista una manifestazione organizzata dalla Poe-Ota, mentre alle 19 è in programma un'altra manifestazione organizzata da Adedy e Gsee.

Intanto gli emendamenti apportati al disegno di legge dal ministro degli Interni Yannis Michelakis non hanno soddisfatto i sindaci che chiedono il ritiro di quella parte del progetto che riguarda l'authority che avrà il compito di controllare le finanze dei Comuni. "I responsabili delle autonomie locali, eletti dal popolo, esprimono la loro contrarietà all'abolizione dei servizi dei comuni e delle Regioni e alla messa in mobilità dei loro dipendenti", si legge in un comunicato dell'Unione centrale dei Comuni di Grecia (Kede).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS