Navigation

Grecia: operai, studenti e anarchici in piazza

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 novembre 2010 - 13:17
(Keystone-ATS)

ATENE - Operai, studenti, estrema sinistra e anarchici sono scesi in piazza oggi per protestare contro le "nuove misure" che il governo greco si appresta ad introdurre nel 2011 come chiesto dai creditori Ue-Fmi.
Nel quadro della stessa protesta, uffici pubblici, servizi e trasporti sono paralizzati per alcune ore dalle 12.00 locali (11.00 in Svizzera) per una sospensione dal lavoro dei dipendenti del settore statale e di quello privato: un'anteprima dello sciopero generale di 24 ore contro l'austerity convocato per il 15 dicembre e cui aderisce anche il sindacato comunista Pame.
Lo sciopero indetto dai due grandi sindacati Adedy (dipendenti pubblici) e Gsee (settore privato) culmina con una manifestazione al centro di Atene fino al Parlamento. Alcune centinaia di studenti si sono d'altra parte riuniti davanti al Rettorato di Atene per denunciare la riforma universitaria e i tagli all'istruzione, per poi confluire nella marcia sindacale. Si sono mobilitati anche gli anarchici, che nel pomeriggio sfileranno contro l'austerity e "il terrorismo di Stato".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo