Navigation

Grecia: Papandreou esclude ristrutturazione debito

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 settembre 2010 - 13:33
(Keystone-ATS)

ATENE - Il premier greco Giorgio Papandreou ha oggi escluso l'ipotesi di una ristrutturazione del debito. Parlando a Salonicco ad una conferenza stampa teletrasmessa, il premier ha detto che tutti gli sforzi del governo sono rivolti a scongiurare la logica della bancarotta che sarebbe disastrosa per il paese.
Papandreou ha assicurato che la Grecia rispetterà l'obiettivo di ridurre il deficit all'8,1% del Pil entro la fine dell'anno. Ha poi riconosciuto che ci sono problemi contingenti che hanno rallentato la decrescita del deficit, ma ha assicurato che questo diminuirà del 40% entro il 2010.
Secondo i dati ufficiali provvisori diffusi nei giorni scorsi in agosto c'è stata una contrazione delle entrate a causa della recessione e un accumulo di pagamenti degli interessi del debito ciò che ha provocato un rallentamento nella riduzione del deficit.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?