Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Poliziotti contro poliziotti ad Atene mentre continua in Grecia la protesta delle forze dell'ordine contro le misure economiche che il governo sta per approvare e che prevedono, fra l'altro, anche la riduzione degli stipendi degli agenti di polizia, dei vigili del fuoco e delle guardie costiere.

Questa mattina presto un gruppo di una cinquantina di sindacalisti delle forze dell'ordine di Atene ha bloccato l'ingresso della sede della polizia di Goudi impedendo l'uscita delle squadre speciali (note come 'Mat'), addestrate per affrontare le manifestazioni di protesta nelle città, che dovrebbero raggiungere la città di Salonicco per rafforzare le unità cittadine in vista delle proteste programmate in occasione dell'inaugurazione, sabato, della Fiera Internazionale. Si sono registrati anche brevi tafferugli tra poliziotti del Mat e sindacalisti.

I sindacalisti si dicono decisi a restare sul posto mentre, da parte sua, il ministero per la Protezione del Cittadino è in cerca di soluzione del problema. Intanto per oggi pomeriggio è in programma un'altra manifestazione nell'antico Stadio di Atene dei poliziotti, dei pompieri e delle guardie costiere contro quella che definiscono in un comunicato la "presa in giro" del ministero delle Finanze che prepara una riduzione dei loro stipendi tra il 6 ed il 7,5%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS