Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ATENE - Gli agricoltori greci in rivolta continuano oggi per l'undicesimo giorno consecutivo il blocco dei principali nodi autostradali e i valichi alle frontiere con Bulgaria e Turchia per chiedere sussidi immediati al settore in crisi, mentre sono scesi in campo anche i lavoratori del Peloponneso.
Resta aperto da ieri mattina, dopo un blocco durato qualche giorno, il porto nordoccidentale di Igoumenitsa, che assicura il traffico merci e passeggeri con l'Italia. "Il porto stamane resta aperto" ha detto all'Ansa un portavoce della Capitaneria di porto. Gli agricoltori rimangono tuttavia accampati fuori con i loro trattori e possono in qualsiasi momento ripristinare il blocco.
Dopo il fallimento del negoziato di domenica con il ministro dell'Agricoltura Katerina Batzeli e il boicottaggio della tavola di dialogo aperta ieri ad Atene dal governo, gli agricoltori, apertamente sostenuti dal Partito comunista (Kke), mantengono la mobilitazione e stanno ora cercando di porre fine alla frammentazione operativa con un documento comune.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS