Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il terrorista greco Christodoulos Xiros, arrestato dalla Squadra antiterrorismo della polizia greca tre giorni fa, stava preparando un grande attacco contro le carceri di Korydallos, per far evadere i detenuti dell'organizzazione terroristica "Cospirazione dei Nuclei di Fuoco". Lo ha detto il ministro per la protezione del cittadino, Vassilis Kikilias, in una conferenza stampa dopo l'arresto del ricercato numero uno in Grecia.

Nella casa dove si nascondeva Xiros ad Anavissos, una località a 50 chilometri dalla capitale, la polizia ha trovato un vero e proprio arsenale, tra cui nove fucili d'assalto K-47 Kalashnikov, tre granate a propulsione a razzo (Rpg), due bombe a mano, tre pistole, molte pallottole, e un barile con cento chilogrammi di materiale esplosivo, pronto per essere usato nell'attentato contro il penitenziario, programmato secondo il ministro per questi giorni, in piena campagna elettorale.

Xiros stava scontando una condanna a sei ergastoli e ulteriori 25 anni di prigione nel penitenziario di Korydallos, alla periferia di Atene, per appartenenza all'organizzazione terroristica rossa "17 Novembre" e complicità in sei omicidi, attentati dinamitardi e rapine. Dopo aver ottenuto una licenza di nove giorni il 1. gennaio del 2014 non si era più ripresentato.

Oggi Xiros sarà interrogato dal giudice istruttore, mentre la polizia greca sta dando la caccia a suoi eventuali complici.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS