Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Tagliare ad ogni costo. È questa la parola d'ordine con cui da mesi la comunità internazionale martella Atene. La Commissione europea ha infatti avvertito oggi il governo di George Papandreou che altri quattro miliardi di tagli alla spesa pubblica sono necessari se Atene vuole centrare l'obiettivo di portare il deficit di bilancio all'8% del Pil entro la fine dell'anno. Secondo Bruxelles, "le misure fiscali adottate dalla Grecia sembrano sufficienti a raggiungere gli obiettivi di contenimento del deficit 2010.
Ma la spesa totale deve rimanere rigidamente sotto controllo ed essere di quattro miliardi in meno rispetto al piano originale per fronteggiare il calo delle entrate". Per il 2010 il governo ha programmato una spesa pubblica totale di 77,073 miliardi di euro, pari al 5,3% in meno rispetto agli 81,39 miliardi dell'anno scorso mentre le entrate sono viste a 58,382 miliardi.
Il problema, spiega la Commissione europea, è che nel primo semestre le entrate fiscali della Grecia "sono state inferiori alle attese" e con il rallentamento della ripresa economica nella seconda metà dell'anno Atene "potrebbe mancare gli obiettivi" che si era prefissata lo scorso maggio. Il governo Papandreou punta a ridurre il deficit di bilancio dal 13,6% del Pil dell'anno scorso all'8,1% entro fine anno, al 7,6% nel 2011, al 6,5% nel 2012, al 4,9% nel 2013 e al 2,6% nel 2014 così da soddisfare i parametri di Maastricht. Nel secondo trimestre del 2010 il Pil greco ha segnato la settima contrazione consecutiva, -1,5% sul periodo gennaio-marzo e secondo le stime l'economia quest'anno subirà una contrazione del 4%.
Il Paese ellenico si appresta ad incassare la seconda tranche del maxi prestito Ue-Fmi - dote complessiva di 110 miliardi di euro, 80 da Paesi Ue e 30 dall'Fmi - nel mese prossimo. Il sette settembre i ministri delle finanze di Eurolandia daranno il via libera al secondo finanziamento da nove miliardi di euro perché, come ha spiegato il portavoce per gli affari economici e monetari della Commissione Europea Amadeu Altafaj, Atene sta andando "più veloce del previsto" con i tagli al deficit e "soddisfa le condizioni necessarie per la prossima tranche di aiuti finanziari". Nei primi sei mesi dell'anno il governo Papandreou è riuscito a ridurre il deficit di bilancio del 45% attraverso tagli a pensioni e stipendi e aumentando le tasse.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS