Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Dialogo e non scontri e ricatti reciproci. Abbiamo un progetto, non vogliamo la rottura ma nemmeno il proseguimento di una politica che conduce alla catastrofe". Con queste parole il nuovo vice premier greco Yannis Dragassakis, al termine della riunione della squadra economica, ha voluto rassicurare i mercati e gli imprenditori stranieri dopo il tonfo ieri della Borsa di Atene ed il peggioramento del mercato dei titoli di Stato.

Dragassakis ha sottolineato che il governo "è interessato a nuovi investimenti per i quali il ministero sta già preparando una lista".

Per quanto riguarda il futuro delle imprese come la Dei, la compagnia ellenica per la produzione di energia elettrica di cui il ministro Panajotis Lafazanis ha annunciato il blocco della privatizzazione, Dragassakis ha detto che "il governo vuole sostenere queste aziende e non aggravare la loro situazione. Il sostegno ai cittadini bisognosi sarà finanziato da altri fondi".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS