Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nei Grigioni sono state presentate 15 liste per il Consiglio nazionale in vista delle elezioni federali del 18 ottobre. In totale i candidati sono 70, di cui 23 donne. Il termine della scadenza per la presentazione delle liste era ieri.

Sei partiti si contendono i cinque seggi al Nazionale, ha comunicato oggi la Cancelleria cantonale. L'UDC presenta quattro liste e il Partito liberale democratico (la versione locale del PLR) tre. Il PPD, PBD e il PS presentano ciascuno due liste. I Verdi liberali hanno depositato una lista. La 15esima è quella del piccolo partito dei "Patriotisch Liberale Demokraten".

Alle elezioni del 2011 vi erano 69 candidati su 15 liste. Dopo i risultati mediocri ottenuti quattro anni fa, quest'anno non si presentano i Verdi e l'Unione democratica federale.

Non è stata ancora annunciata alcuna congiunzione di liste: i partiti hanno tempo fino al 10 agosto.

La corsa verso Berna si annuncia serrata. L'UDC tenta con Magdalena Martullo-Blocher, figlia dell'ex consigliere federale Christoph Blocher, di guadagnare un secondo mandato. Il PLR vuole recuperare un seggio perso nel 2011. Nel cantone d'origine della sua consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf, il PBD è sulla difensiva. I Verdi liberali sono minacciati soprattutto se PS e UDC dovessero stringere alleanze.

I cinque seggi grigionesi sono attualmente occupati da 1 UDC, 1 PPD, 1 PBD, 1 Verde liberale e 1 PS. Quattro dei cinque parlamentari uscenti si ripresentano: Heinz Brand (UDC), Martin Cardinas (PPD) , Josias Gasser (Verde liberale) e Silvia Semadeni (PS). Hansjörg Gassler (PBD) si ritira dopo 16 anni trascorsi sotto la cupola di Palazzo federale.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS