Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le elezioni di domenica per il rinnovo del Gran consiglio retico potrebbero essere state le ultime con il sistema maggioritario: 33 cittadini, tra cui un ex consigliere di Stato il cui nome non è stato rivelato, rappresentati dall'avvocato Andrea Bianchi, hanno infatti inoltrato ricorso per violazione dei diritti politici.

I denuncianti, tra cui figurano sei ex membri del Gran consiglio, in una conferenza stampa a Coira hanno chiamato in causa il sistema maggioritario, in vigore ormai solo nei Grigioni e ad Appenzello Interno. Esso lede il diritto di voto ed eleggibilità - hanno affermato - e i risultati dell'elezione per il Gran consiglio devono essere annullati. In subordine, propongono di rinunciare all'annullamento a condizione che il sistema maggioritario grigionese sia riconosciuto come contrario alla Costituzione federale. Obiettivo del ricorso è che le elezioni cantonali del 2018 si svolgano con un sistema ritenuto più equo.

Quello attuale presenta grosse differenze nei 39 circoli elettorali e lede in maniera grossolana il principio dell'uguaglianza fra i votanti: nel circolo di Coira ci vogliono almeno 2'300 voti per un mandato nel parlamento cantonale, mentre nel circolo di Avers ne bastano 70.

Viene in particolare criticato il fatto che con questo sistema una minoranza politica arriva a conquistare una maggioranza parlamentare. PLR e PBD alle ultime elezioni nazionali avevano ottenuto il 32,4% delle schede; in Gran consiglio i due partiti detengono una maggioranza del 50,4% dei seggi.

Al contrario, UDC, PS e Verdi liberali alle elezioni federali avevano raggiunto il 48,4%, ma nel Gran consiglio essi hanno soltanto il 26,7% dei seggi. "E' una situazione assurda", ha dichiarato l'avvocato Bianchi.

L'esposto è indirizzato al Gran consiglio che, essendo parte in causa, dovrebbe poi sottoporlo al Tribunale amministrativo cantonale. Quale ultima istanza la questione potrebbe finire davanti al Tribunale federale, che negli ultimi tempi ha contestato il sistema elettorale di diversi cantoni della Svizzera centrale, tra cui Zugo, Svitto e Nidvaldo.

SDA-ATS