Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Lo sviluppo della versione E del Gripen proseguirà come da programma, anche dopo il no odierno del popolo svizzero all'acquisto del velivolo svedese: lo afferma in un comunicato il costruttore svedese Saab, aggiungendo che i contratti con le aziende elvetiche saranno mantenuti, tenendo conto delle condizioni commerciali.

"Rispettiamo il processo politico in Svizzera e non commentiamo la decisione popolare", afferma il gruppo in una nota. Alla luce della vittoria dei referendisti il processo di vendita di 22 Gripen E è stato immediatamente interrotto. Il mandato per la fornitura del velivolo alla Svezia è invece mantenuto e continuano anche i negoziati con il Brasile in vista della vendita di 36 apparecchi.

Per quanto riguarda la Svizzera, nell'ambito di un programma di partecipazione sono stati sottoscritti oltre 500 contratti con 125 aziende elvetiche: alcuni direttamente da Saab, gli altri attraverso fornitori o partner della società scandinava. Il gruppo sottolinea che intende continuare a lavorare con le imprese della Confederazione.

SDA-ATS