Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) rimprovera alle autorità cantonali bernesi omissioni nell'esame del dossier fiscale del gruppo Ammann, proprietà della famiglia del ministro Johann Schneider-Ammann. Non ci sono però indizi di scorrettezze.

La questione della sede delle due società offshore del gruppo "è stata chiarita in modo lacunoso negli ultimi decenni", afferma l'AFC, secondo cui i fatti e le prove disponibili avrebbero "dovuto piuttosto condurre a un giudizio differente".

Tuttavia l'analisi dell'AFC non ha portato alla luce nuovi fatti che giustifichino una correzione della tassazione. Oltre a ciò, l'AFC non ha trovato nessun indizio che il gruppo Ammann non si sia comportato in modo corretto.

Le decisioni prese allora sono così legalmente valide, ha indicato oggi la direzione delle finanze del canton Berna. Il presidente dell'amministrazione delle contribuzioni bernese condivide il giudizio della Confederazione.

La direzione delle finanze del canton Berna si dispiace che la sezione responsabile dell'amministrazione delle contribuzioni cantonale non abbia intrapreso gli accertamenti con la dovuta accuratezza. Non sono però riscontrabili indizi di mancanze rilevanti dal punto di vista penale o fatte di proposito dall'amministrazione cantonale o dal gruppo Amman.

Gruppo Ammann soddisfatto

Il gruppo Ammann reagisce con soddisfazione alle conclusioni dell'AFC. Questa ha ora finalmente accertato che il gruppo Ammann si è sempre comportato correttamente, ha indicato l'azienda in un comunicato odierno.

"Centrale e importante" è che le dichiarazioni fiscali di allora vengano giudicate anche oggi legalmente valide. Le aziende devono potersi affidare alle autorità di vigilanza in materia fiscale e alle loro decisioni.

Anche il consigliere federale Johann Schneider-Ammann reagisce con soddisfazione alla notizia. Il risultato "non è sorprendente, ma è lo stesso molto gradito", si legge in un comunicato rilasciato dal suo dipartimento.

A sollevare una prima volta il polverone era stata in gennaio 2014 la trasmissione "Rundschau" della tv svizzerotedesca SRF: basandosi su documenti fiscali confidenziali, aveva riferito a fine 2008 che la società deteneva fondi depositati per anni nell'isola di Jersey, noto paradiso fiscale, e in Lussemburgo. Nel 2009, un anno prima dell'elezione di Schneider-Ammann in Consiglio federale, il denaro sarebbe stato trasferito in Svizzera.

La vicenda era tornata a far discutere a inizio settembre dell'anno scorso, quando la direzione delle finanze del canton Berna aveva annunciato di voler riesaminare più accuratamente la tassazione del gruppo industriale Ammann e aveva chiesto ufficialmente l'appoggio dell'AFC per stabilire se il suo atteggiamento nei confronti delle società offshore fosse conforme alle leggi svizzere.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS