Juan Guaidò, il presidente del Parlamento venezuelano che ha assunto i poteri dell'Esecutivo, ha annunciato oggi che gli aiuti umanitari che ha richiesto alla comunità internazionale entreranno nel paese il prossimo 23 febbraio.

Prendendo la parola al termine di una nuova e massiccia protesta di piazza a Caracas, Guaidò ha detto che a partire da sabato prossimo "inizieremo il processo di organizzazione per l'ingresso degli aiuti umanitari".

Il leader antichavista ha confermato che, oltre a quello istallato a Cucuta, sulla frontiera colombiana con il Venezuela, a partire da oggi comincerà a funzionare un secondo centro di raccolta di viveri e medicine a Roraima, sulla frontiera brasiliana, sottolineando che 250 mila persone si sono già iscritte nel programma di volontariato che ha lanciato per raccogliere gli aiuti umanitari.

"L'assistenza umanitaria passerà, sì o sì", ha assicurato Guaidò.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.