Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nell'ambito dello scandalo di corruzione che ha colpito la Federazione mondiale di calcio (FIFA), un tribunale guatemalteco ha ordinato l'immediata estradizione negli Stati Uniti dell'ex presidente della Federcalcio del Guatemala (Fedefut) Brayan Jimenez.

Il suo avvocato, Francisco Garcia, ha detto che Jimenez accetta l'estradizione, ma ha avvertito che non significa che ammettete la colpa.

Il Quinto Tribunale Penale, che si è occupato del caso, ha detto che ora spetta al Ministero degli Affari Esteri del Guatemala coordinare le gestione del procedimento, che si dovrebbe compiere in un periodo non superiore a 40 giorni. Nel frattempo, l'imputato resterà in una prigione militare.

Jimenez è stato catturato martedì. È rimasto in libertà dopo essere stato accusato dai tribunali degli Stati Uniti per corruzione. Si trovava all'interno di un appartamento in una zona esclusiva di Città del Guatemala.

Sull'ex leader del calcio guatemalteca pesava un mandato emesso da un tribunale guatemalteco dall'inizio di dicembre, con accuse di associazione a delinquere e riciclaggio di denaro.

Oltre a Jimenez è stato accusato dalla giustizia degli Stati Uniti anche, il guatemalteco Hector Trujillo, un ex membro dell'esecutivo della Fedefut. Jimenez e Trujillo sono accusati di essere coinvolti nella raccolta e nel pagamento di tangenti per oltre 400.000 dollari per la cessione dei diritti di trasmissione e commercializzazione di tornei e partite internazionali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS