Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Aumenta il numero dei morti in Guinea a causa dell'epidemia di febbre emorragica provocata dal virus Ebola. Lo hanno reso noto le autorità di Conakry e l'organizzazione Medici senza frontiere (Msf), precisando che da gennaio sono stati individuati 151 malati e di questi 95 sono morti. Il precedente bilancio era di 86 decessi su 137 contagiati.

Medici senza frontiere ha però anche riferito, pur senza fornire cifre, di alcuni "primi" casi di "pazienti che hanno vinto il virus Ebola e hanno lasciato l'ospedale" di Donka nella capitale. Contro Ebola non ci sono vaccini né trattamenti specifici e il tasso di mortalità è del 90%. Msf sta lavorando a fianco dei medici locali a Conakry e in una città del sud, Gueckedou.

Fino a pochi giorni fa era presente anche a Macenta ma gli operatori sanitari hanno dovuto andarsene dopo che, in seguito a notizie secondo cui sarebbero proprio stati i medici di Msf a diffondere il virus, il 4 aprile erano stati aggrediti. "Stiamo cercando di tornare lì il più presto possibile", ha dichiarato oggi un medico.

SDA-ATS