Navigation

Haiti: elezioni, disordini dopo annuncio ballottaggio

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 dicembre 2010 - 12:43
(Keystone-ATS)

PORT-AU-PRINCE - Violenze sono esplose a Port-au-Prince e in altre città haitiane dopo l'annuncio che il popolare cantante Michel Martelly è stato escluso dal ballottaggio delle elezioni presidenziali, che si terrà il 16 gennaio, nel quale si batteranno invece l'ex first lady Mirlande Manigat e Jude Celestin, considerato uomo vicino al presidente uscente Renè Preval.
Il risultato, che deve essere ancora confermato dalle autorità elettorali, hanno suscitato una reazione preoccupata degli Stati Uniti, che l'hanno giudicato "incoerente in rapporto ai risultati pubblicati dal Consiglio nazionale di osservazione sulle elezioni", anche se Washington ha invitato la popolazione haitiana alla calma.
Nella capitale si sono uditi alcuni colpi d'arma da fuoco e sono state erette diverse barricate, mentre folle inferocite hanno appiccato alcuni fuochi e lanciato sassi e bottiglie contro la polizia. Sono stati urlati slogano a favore di Mertelly e contro l'ex presidente Preval, accusato di aver compiuto brogli per assicurare la vittoria a uno dei suoi candidati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.