Navigation

Hannibal Gheddafi esprime "compassione" a Göldi, avvocato

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 febbraio 2010 - 22:06
(Keystone-ATS)

TRIPOLI - Hannibal Gheddafi, il figlio del leader libico Muammar il cui arresto nel luglio 2008 a Ginevra è all'origine della crisi tra Berna e Tripoli, ha espresso oggi "la sua compassione e il suo sostegno" a Max Göldi, lo svizzero trattenuto nel paese africano da 19 mesi. Lo afferma l'avvocato dell'uomo d'affari elvetico.
"Il signor Hannibal mi ha chiamato oggi per esprimere la sua compassione e il suo sostegno a Max Göldi e alla sua famiglia", ha dichiarato all'ATS Salah Zahaf. Il legale ha precisato di aver fatto visita oggi al suo cliente e ha confermato le "buone condizioni" di detenzione.
Lunedì Göldi si è consegnato alla giustizia locale per scontare i quattro mesi di carcere cui è stato condannato per "soggiorno illegale". L'altro "ostaggio" svizzero, Rachid Hamdani, ha fatto rientro ieri in Svizzera.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.