Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Stop improvviso alla costruzione del telescopio più grande e potente del mondo nel paradiso naturale delle Hawaii, sulla vetta del monte Mauna Kea, sacro ai nativi.

La Corte Suprema dell'isola ha revocato il permesso concesso nel 2013 da un comitato locale al consorzio internazionale che sta da anni tentando di erigere il telescopio TMT (Thirty Meter Telescope), da 1,4 miliardi di dollari.

Osteggiato dai discendenti degli indiani locali, convinti che Manua Kea sia luogo protetto e caro alle divinità, oltre che sede di tombe antichissime. Coordinato dall'università della California e dall'Istituto Californiano di tecnologia (Caltech), il progetto comprende centri di ricerca di Canada, Giappone, India e Cina.

Il TMT avrà un diametro di 30 metri e sarà alto come un palazzo di 18 piani. Secondo i ricercatori non solo la potenza e la localizzazione del telescopio, ma anche l'aria cristallina del Pacifico dovrebbero permettere osservazioni cosmiche senza precedenti.

Ma per la Corte Suprema delle isole - che ha illustrato il suo verdetto in una sentenza di 58 pagine - "quando fu concessa l'autorizzazione, venne messo il carro davanti a buoi, in quanto non ci furono le richieste audizioni sulle contestazioni all'iniziativa. Il permesso dato è quindi non valido".

"Sono grato al Paradiso ed alla Corte per aver dato ragione alle richieste della gente, è una benedizione", ha commentato uno dei nativi che aveva presentato il ricorso, Kealoha Pisciotta.

Secondo i giudici, il comitato locale "Land and Natural Resources" dovrà ora mettere in calendario le audizioni e ascoltare il caso presentato dai protestanti. "Ringraziamo la Corte per la decisione tempestiva e la rispettiamo", ha detto noto il direttore del progetto Tmt, Henry Yang. "Seguiremo il procedimento deciso dallo Stato - ha aggiunto - e stiamo decidendo la nostra prossima mossa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS