Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Hefenhofen (TG): commissione critica passività delle autorità

Hanspeter Uster, presidente della commissione indipendente incaricata di far luce sul caso della "fattoria degli orrori" di Hefenhofen, nel cantone di Turgovia (foto d'archivio)

KEYSTONE/GIAN EHRENZELLER

(sda-ats)

Nella vicenda della "fattoria degli orrori" di Hefenhofen (TG) sono stati commessi errori di valutazione a vari livelli che hanno impedito l'attuazione di misure di protezione efficaci. Lo dice la commissione d'inchiesta indipendente incaricata di far luce sul caso.

Il divieto di allevare animali avrebbe dovuto essere imposto già nel 2007 o nel 2009, ha dichiarato oggi a Frauenfeld l'ex consigliere di Stato di Zugo Hanspeter Uster, presentando il rapporto della commissione da lui diretta.

Se questo non è accaduto è "perché tutti gli uffici e gli organi coinvolti hanno troppo a lungo oscillato fra misure di de-escalation e di repressione, temendo per la sicurezza dei dipendenti", ha aggiunto Uster.

Quando nel 2013 il divieto di detenere animali è diventato vincolante, il consigliere di Stato responsabile dubitava della proporzionalità di questa misura e temeva costi elevati per il cantone. "Nell'approccio con un cittadino percepito come difficile, è stata scelta la via del negoziato che lo ha incoraggiato nelle sue azioni".

Ciò ha comportato una perdita di autorità da parte dell'amministrazione. Le difficoltà in questo caso sono andate ben oltre l'ufficio di veterinaria, secondo il rapporto. La polizia e il veterinario cantonale avevano opinioni diverse in relazione ai ripetuti insulti, alle minacce e alle violenze contro i funzionari.

La commissione indipendente, istituita su incarico del governo turgoviese, ha iniziato i suoi lavori lo scorso gennaio. Nel corso dell'inchiesta sono stati ascoltati 49 rappresentanti delle autorità. I documenti relativi a questo caso, che si trascina da oltre 15 anni, riempiono 46 classificatori.

L'allevatore in questione era da tempo noto ai servizi veterinari. Negli anni, l'uomo si è opposto a tutte le decisioni delle autorità. L'ufficio di veterinaria ha peraltro effettuato tutti i controlli solo dopo averlo preventivamente informato.

La commissione raccomanda tutta una serie di adattamenti organizzativi e strutturali, come la creazione all'interno della polizia cantonale di un ufficio specializzato nelle indagini sui reati legati alla protezione degli animali.

Alla conferenza stampa ha preso parte anche il governo cantonale "in corpore". La presidente dell'esecutivo Cornelia Komposch ha riconosciuto gli errori e si è scusata per la mancanza di una strategia d'intervento coerente nel corso degli anni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.