Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Taglio occupazionale presso Helvetia: nell'ambito di una riorganizzazione dovuta all'acquisizione di Nationale Suisse il gruppo assicurativo ha deciso di licenziare 70 dipendenti e prepensionarne altri 30.

La soppressione di posti di lavoro è inevitabile a causa dei doppioni strutturali venutisi a creare dopo la fusione delle due entità, informa Helvetia in un comunicato odierno. I collaboratori interessati dalla revoca del rapporto di impiego saranno attivamente sostenuti nella loro ricerca di un nuovo posto con un piano sociale già approntato. Il salario resta inoltre garantito sino alla fine del 2015.

Gli altri impieghi in eccesso potranno essere compensati da fluttuazioni naturali: da ottobre 2014 - momento della fusione - a oggi sono infatti partiti 200 dipendenti. L'organico attuale in Svizzera è di 3850 persone. Circa 1500 collaboratori sono confluiti da Nationale Suisse.

Dal primo maggio la nuova società si presenta sotto il marchio unitario di Helvetia. I contratti assicurativi della Nationale Suisse saranno integralmente ripresi e gestiti da Helvetia senza modifiche. Lo stesso giorno ha segnato anche l'entrata in vigore di un nuovo modello organizzativo per il servizio interno ed esterno, che unifica le strutture dirigenziali finora distinte delle due compagnie.

A sei mesi dall'unione il gruppo guarda con soddisfazione a quanto fatto: le entità giuridiche sono raggruppate, la gamma dei prodotti è armonizzata e la comune struttura organizzativa è ormai realtà. La "nuova Helvetia" ha ampliato la propria rete di distribuzione in Svizzera da 62 a 81 agenzie generali e principali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS