Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'assicuratore Helvetia ha registrato nel primo semestre dell'anno un utile dopo le imposte di 220,9 milioni di franchi, in crescita del 12,2% rispetto alla prima metà del 2014. Il volume dei premi è salito nel giro di 12 mesi del 15,1% a 5,29 miliardi di franchi.

In una nota odierna, Helvetia indica che "l'andamento commerciale molto soddisfacente" è da ricondurre "anche al successo delle acquisizioni di Nationale Suisse e Basler Austria".

Il principale fattore trainante è stato il risultato del ramo non-Vita, che è aumentato del 45,6% a 158,2 milioni grazie alle acquisizioni, precisa il gruppo assicurativo.

Grazie a minori effetti negativi del maltempo rispetto all'anno precedente, il combined ratio (rapporto sinistri/costi) è migliorato passando al 92,4%, il dato migliore degli ultimi cinque anni. Tutti i mercati, si legge nella nota, presentano un combined ratio inferiore al 100%.

Nonostante il difficile contesto per gli investimenti, anche nel ramo Vita il risultato è stato positivo (+18% a 84,9 milioni). Questo miglioramento è imputabile principalmente a minori oneri per il rischio derivante dai tassi di interesse rispetto all'esercizio precedente.

Mercato svizzero trainante

A livello di regioni, il maggiore contributo al risultato è stato fornito ancora una volta dal mercato svizzero, dove l'utile è aumentato del 45,8% a 169,1 milioni. Decisi incrementi sono stati ottenuti anche dalle aree Europa ( +4,5% a 53,6 milioni).

Il risultato, in base alle regole contabili IFRS, è stato pari a 161,87 milioni, rispetto ai 196,9 milioni del primo semestre 2014. Secondo Helvetia, questo calo è da ricondurre agli effetti contabili delle acquisizioni.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS