Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I ricordi del "giorno più triste" nella storia della Juventus riaffiorano prepotenti, nel trentennale dell'Heysel.

Impossibile dimenticare, giusto ricordare, con una partecipazione che mai era stata così ampia e diffusa negli altri anniversari, le 39 vittime innocenti nel settore Z dello stadio di Bruxelles, tifosi juventini morti per sfuggire alla furia degli hooligan inglesi.

Nel pieno della lunga vigilia di Berlino, "la pagina nera dello sport mondiale e della storia della Juventus", come l'ha definita Massimiliano Allegri, è stata ricordata a Bruxelles, a Liverpool, a Torino, dove la Juventus al gran completo, prima di partire per Verona, ha presenziato alla messa nella chiesa della Gran Madre di Dio. Accanto a giocatori e staff tecnico, il presidente Andrea Agnelli, con la mamma Allegra, Giovanni Trapattoni e Stefano Tacconi, che della Juve dell'Heysel erano l'allenatore e il portiere. E ancora la vedova Scirea, Mariella, l'ex giocatore e dirigente Roberto Bettega, il presidente della Lega Calcio italiana Maurizio Berretta, il sindaco di Torino Piero Fassino e la super tifosa Evelina Christillin.

L'omaggio alle vittime ha invaso anche i siti ufficiali dei club e delle istituzioni del calcio, i social network ed i blog dei tifosi. All'Heysel di Bruxelles si è tenuta la cerimonia, alla presenza degli ambasciatori d'Italia, Alfredo Bastianelli, e di Gran Bretagna, del sindaco di Bruxelles, del presidente del museo della Juve, Paolo Garimberti, e dell'ex juventino Sergio Brio. Sono state posate corone di fiori e sono stati liberati in cielo 39 palloncini bianchi ciascuno con il nome di una delle vittime, 32 delle quali italiane. I nomi sono stati scanditi anche all'Anfield di Liverpool, lo stadio del club inglese dove, a rappresentare la Juventus, c'erano il dirigente Gianluca Pessotto, che ha posato 39 gigli bianchi, e l'ex giocatore Massimo Bonini.

Un minuto di silenzio è stato osservato a Bruxelles e a Liverpool, al congresso Fifa di Zurigo, ed a Torino all'assemblea degli azionisti di Exor, la holding della famiglia Agnelli presieduta da John Elkann, alla quale era presente anche Andrea Agnelli.

A Vinovo, Allegri ha anteposto il suo ricordo alle domande della conferenza stampa della vigilia di campionato: "Oggi non c'è da fra altro che commemorare le vittime - ha detto - e stringerci con affetto ai loro famigliari". Il 29 maggio 1985 "avevo quasi 18 anni - ha aggiunto l'allenatore della Juventus su twitter - quella sera di 30 anni fa, davanti alla tv, rimasi sotto choc quando capii cosa era successo. Un pensiero ai 39 Heysel".

Tra i protagonisti in campo all'Heysel c'era Platini: "Non ho mai dimenticato quella partita, ancora oggi continuo a giocarla. E, come presidente dell'Uefa, con i miei colleghi ed i miei amici delle federazioni, dei campionati e dei club, lavoro quotidianamente per assicurare che l'orrore di quella serata non si ripeta mai più".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS