Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Hillary Clinton

KEYSTONE/FR159526 AP/JOSE LUIS MAGANA

(sda-ats)

Hillary Clinton si scaglia contro il rivale Donald Trump, durante il suo secondo intervento pubblico nel giorno del rientro in campagna elettorale dopo la pausa imposta in seguito al malore accusato la scorsa domenica e la diagnosi di polmonite.

In particolare la candidata democratica, parlando al galà del Congressional Hispanic Caucus Institute a Washington, ha accusato il tycoon di "intolleranza" e lo ha attaccato perché ancora non intende ammettere che il presidente Barack Obama è nato negli Stati Uniti, come lo stesso candidato repubblicano ha sottolineato in una intervista con il Washington Post.

Jason Miller, il consigliere per la comunicazione del candidato repubblicano, in una nota diffusa dopo che l'argomento è tornato alla ribalta ha sottolineato che Donald Trump è adesso convinto che Barack Obama sia nato negli Stati Uniti.

Miller ha inoltre specificato che è stato proprio merito del tycoon se la questione è oggi considerata chiusa, in quanto a suo tempo indusse il presidente Obama a esibire il suo certificato di nascita.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS