Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Incalzata dalle proposte di sinistra del suo principale rivale nella corsa alla Casa Bianca, Bernie Senders, con cui è testa a testa nei sondaggi nei due Stati in cui partiranno le primarie democratiche, Hillary Clinton gioca la sua carta fiscale contro i ricchi.

Per accattivarsi la determinante classe media Clinton ha proposto, durante la sua campagna in Iowa, una sovrattassa del 4% per chi guadagna più di 5 milioni di dollari l'anno.

Un livello, sottolinea il Washington Post, che non si vedeva da 30 anni e che va oltre la cosiddetta Buffet rule, la proposta dell'investitore Warren Buffet - abbracciata da Barack Obama - di applicare una tassa minima del 30% a chi ha un reddito lordo di oltre due milioni di dollari.

"Voglio attuare la Buffet rule: avere la certezza che c'è una tassa minima da pagare", ha spiegato la Clinton. "Voglio andare oltre e imporre ciò che io chiamo una giusta quota di sovrattassa ai multimilionari perché ora siamo indietro e dobbiamo fare in modo che i ricchi e le società paghino più della loro giusta quota", ha aggiunto.

I tassi che colpiscono i redditi più elevati raggiungono il 39,6% negli Usa ma grazie a vari escamotage finanziari i contribuenti più ricchi sono spesso tassati meno: i 400 americani che hanno guadagnato di più nel 2013 hanno pagato in media il 23% di tasse, secondo il team della Clinton, che cita il fisco americano.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS