Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Celebrazioni in occasione del centenario della Battaglia di Verdun, in Francia.

KEYSTONE/EPA/MATHIEU CUGNOT

(sda-ats)

Come François Mitterrand ed Helmut Kohl, oltre 30 anni fa, il presidente francese François Hollande e la cancelliera tedesca Angela Merkel si ritrovano oggi a Verdun, teatro esattamente cento anni fa di una delle battaglie più cruente della prima guerra mondiale.

La battaglia fece 163mila vittime francesi e 143mila tedesche. Durò una decina di mesi, quasi sempre sotto la pioggia.

Il primo appuntamento, sotto una pioggia battente, tra i due leader è stato al cimitero tedesco di Consenvoye, in Lorenza, poi i due leader erano attesi al municipio di Verdun e per deporre una corona di fiori davanti al monumento dedicato ai bambini della città.

Nel pomeriggio Hollande e Merkel pronunciano un discorso davanti all'ossuario di Douaumont, la necropoli dove sono conservati i resti dei soldati dei due paesi, diventato il simbolo della riconciliazione franco-tedesca. Alla cerimonia sono attesi il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e dell'Europarlamento Martin Schulz.

A Douaumont, Mitterrand e Kohl si tennero per mano, un'immagine diventata iconica. Come ha spiegato Hollande a France Culture, "il gesto di Kohl con Mitterrand, le mani che si cercano e si trovano, è il simbolo della riconciliazione. Con la cancelliera non dobbiamo riconciliarci, è già stato fatto, dobbiamo dire insieme quello che vogliamo fare in questo momento preciso per l'Europa" in crisi e ferita "dal male del populismo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS