Navigation

Hong Kong: 'lupo' Leung nuovo capo esecutivo

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 marzo 2012 - 11:16
(Keystone-ATS)

È Leung Chun-ying, un alto funzionario governativo con forti legami nel mondo imprenditoriale locale ma sospettato di averne anche con la criminalità organizzata, il nuovo 'capo dell'esecutivo' di Hong Kong.

Fortemente sostenuto da Pechino, Leung - soprannominato 'il lupo' - è stato eletto dai 1.200 membri del "comitato elettorale" scelto dal governo centrale, vale a dire lo 0.02 % degli oltre sette milioni di abitanti dell'ex-colonia che dal 1997 è una Speciale Regione Amministrativa (Sar) della Cina.

Con 689 voti a suo favore Lung succede a Donald Tsung, capo dell'esecutivo di Hong Kong per due mandati consecutivi. Ad Henry Tang, l'altro candidato di Pechino (indebolito in modo irreparabile da una serie di scandali) sono andati il 23,7% dei voti, mentre Albert Ho, l'esponente del Partito Democratico (una partecipazione meramente simbolica per dare credibilità al voto) ha ottenuto il 6,3% delle preferenze. Leung (57 anni) è un self-made man legato al settore immobiliare e, contemporaneamente, funzionario governativo per buona parte della sua carriera.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?