Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'opposizione è in leggero vantaggio sullo schieramento filo-Pechino nelle elezioni per il rinnovo del Parlamento di Hong Kong, che si sono svolte ieri nell'ex-colonia britannica tornata nel 1997 sotto la sovranità della Cina.

Mentre il conteggio dei voti è ancora in corso le proiezioni danno all'opposizione 18 dei 35 seggi elettivi mentre lo schieramento che sostiene il cosiddetto "chief executive" - capo di un governo regionale con una forte autonomia - e i suoi patron cinesi si sarebbe assicurato i 17 rimanenti.

Sono ancora in ballo i cinque "superseggi" eletti da una vasta fetta di popolazione e i 35 eletti dalla "functional costituences", una sorta di corporazioni professionali. In entrambi i settori l' opposizione sarebbe in leggero vantaggio, cosa che le dovrebbe permettere di raggiungere lo soglia dei 24 deputati con i quali mantiene il diritto di veto sulle principali decisioni politiche.

I risultati definitivi dovrebbe essere resi noti dalla Commissione elettorale nella serata locale di oggi (il pomeriggio in Svizzera).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS