Navigation

Hong Kong: ex dipendente consolato GB, "torturato in Cina"

Il ministro degli esteri britannico Dominic Raab, nell'immagine, ha convocato l'ambasciatore cinese Liu Xiaoming. KEYSTONE/EPA/WILL OLIVER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 novembre 2019 - 10:56
(Keystone-ATS)

Simon Cheng, ex dipendente del consolato britannico a Hong Kong scomparso ad agosto per giorni durante un viaggio a Shenzhen, in Cina, ha denunciato di essere stato torturato e accusato dalle autorità cinesi di alimentare le proteste pro democrazia nell'ex colonia.

Cheng, 29 anni, ha spiegato ai media stranieri di essere stato bendato e picchiato nella detenzione dalla polizia cinese, ritenendo che identica sorte sia capitata ad altri di Hong Kong. Per la vicenda, il ministro degli esteri britannico Dominic Raab ha convocato l'ambasciatore cinese Liu Xiaoming.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.