Navigation

Hong Kong: GB accusa Cina, grave violazione accordi

La polizia di Hong Kong ha riferito di aver arrestato più di 180 persone a causa delle proteste contro la legge sulla sicurezza nazionale. KEYSTONE/AP/Vincent Yu sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 luglio 2020 - 14:28
(Keystone-ATS)

La polizia di Hong Kong ha riferito sui social media di aver arrestato più di 180 persone a causa delle proteste contro la legge sulla sicurezza nazionale, nel giorno del 23/mo anniversario del ritorno dei territori sotto la sovranità della Cina.

In 7 casi, 3 uomini e 4 donne, il fermo è legato al sospetto di violazione della nuova legge imposta da Pechino. La polizia ha segnalato che da mezzogiorno gruppi di persone si sono ritrovati a Causeway Bay e Wan Chai, dove sono stati registrati atti di vandalismo contro i negozi.

La polizia, nel frattempo, ha usato per la prima volta anche la nuova bandiera viola che vale come monito ai manifestanti che utilizzano bandiere o striscioni illegali o che scandiscono cori e slogan che esprimono propositi di secessione o sovversione.

Intanto, alla cerimonia del 23/mo avversario del ritorno dei territori sotto la sovranità cinese, la governatrice Carrie Lam, ha ribadito che la nuova legge sulla sicurezza nazionale non intaccherà l'alto livello di autonomia o l'indipendenza giudiziaria di Hong Kong.

Si tratta del "più importante sviluppo" nei legami bilaterali e di uno storico passaggio nel miglioramento del meccanismo di tutela della sovranità, dell'integrità e della sicurezza del Paese", ha aggiunto la governatrice. Ha poi rimarcato che la legge, che ora punisce l'oltraggio all'inno nazionale cinese, è una "inevitabile e pronta decisione per ristabilire l'ordine e la stabilità nella società" nell'ex colonia britannica.

Secondo le dichiarazioni odierne del governo britannico la nuova legge è però da considerare "una chiara e grave violazione" della Dichiarazione Congiunta sottoscritta da Pechino e da Londra al tempo della restituzione dell'ex colonia britannica. Il premier Boris Johnson ha detto di essere pronto a facilitare i visti per centinaia di migliaia di abitanti di Hong Kong, in modo da creare condizioni tali da potere far loro ottenere la cittadinanza del Regno contro la pretesa cinese dell'esclusività di quella cinese.

La nuova legge, secondo i più critici, è destinata a frantumare l'ampia autonomia e libertà che Pechino aveva promesso di mantenere a Hong Kong per almeno 50 anni, fino al 2047, secondo il modello "un Paese, due sistemi". La grande marcia tenuta ogni anno dagli attivisti pro democrazia è stata vietata dalla polizia, ufficialmente per le cautele legate al Covid-19.

Dal canto suo il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha minacciato "rappresaglie" degli Usa dopo quello che ha definito "un triste giorno" per Hong Kong in seguito all'approvazione della nuova legge sulla sicurezza nazionale.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.