Navigation

Hubei, domani riaprono gli aeroporti

Si ritorna attivi. KEYSTONE/AP/AREK RATAJ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 marzo 2020 - 17:07
(Keystone-ATS)

La provincia dell'Hubei riapre da domani i suoi aeroporti alle tratte domestiche, ad eccezione del Wuhan Tianhe International Airport, lo scalo del capoluogo Wuhan destinato a tornare a una operatività limitata solo l'8 aprile.

Dopo oltre due mesi di chiusura a causa della pandemia del coronavirus, la Civil Aviation Administration of China (Caac), l'authority di regolamentazione del settore, ha spiegato in una nota postata sul suo sito che i voli saranno soltanto domestici, in linea con quanto anticipato già all'inizio della settimana.

Saranno esclusi dal nuovo programma, invece, i collegamenti per Hong Kong, Macao e Taiwan e tutti quelli tra l'Hubei e Pechino. Wuhan, la città focolaio della pandemia, si allineerà al resto della provincia dall'8 aprile.

Tuttavia, i cargo torneranno invece a operare in tutti gli aeroporti dell'Hubei e le compagnie aeree sono addirittura incoraggiate ad aggiungere voli extra sia domestici e sia internazionali al fine di stabilizzare la filiera di produzione e distribuzione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.