Navigation

I pappagalli sanno calcolare le probabilità come i primati

Un pulcino di Kea di tre settimane di età: da grande avrà grandi capacità di calcolo. KEYSTONE/AP dapd/FOCKE STRANGMANN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 marzo 2020 - 18:00
(Keystone-ATS)

I pappagalli sanno calcolare le probabilità. È la prima volta che questa capacità è osservata in animali diversi dai primati.

È quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista Nature Communications dal gruppo dell'Università neozelandese di Auckland, coordinato dagli zoologi Amalia Bastos e Alex Taylor.

Lo studio riguarda il pappagallo Kea, dal nome scientifico Nestor notabilis, una specie che vive nelle montagne della Nuova Zelanda ed è considerata tra gli uccelli più intelligenti al mondo. Gli autori della ricerca hanno studiato il comportamento dei pappagalli Kea addestrando sei esemplari a riconoscere il colore di un piccolo oggetto, e ad associarlo a una ricompensa: col nero si riceve cibo, con l'arancione invece no.

Bastos e colleghi hanno variato la frequenza di mollette nere e arancioni nei contenitori trasparenti, offrendo gli oggetti agli animali senza mostrare loro il colore, ma prelevandoli di volta in volta dai due recipienti. Si sono così accorti che i pappagalli, a seconda del contenitore, riescono a calcolare la probabilità di pescare dalle mani degli studiosi il colore nero.

"I pappagalli scelgono gli oggetti presi dal recipiente in cui c'è la probabilità più elevata di pescare mollette col colore nero, legato alla ricompensa", spiega Bastos. "Inoltre, quando cambiamo il contenuto dei recipienti, cambia anche la loro scelta. L'animale punta infine su chi tra noi tende a pescare più spesso oggetti col colore del cibo", aggiunge l'esperta. Un chiaro segno di intelligenza legata alle capacità di calcolo.

"Comprendere questi complessi processi cognitivi nei pappagalli - conclude Bastos - potrà aiutare a studiarne l'evoluzione anche nei primati, esseri umani compresi, gli unici in cui sono state finora osservate queste capacità".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.