Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Torna a crescere il settore turistico svizzero: lo scorso anno i viaggiatori stranieri hanno speso il 3,6% in più rispetto al 2012, a 15,6 miliardi di franchi. I due terzi di questa somma (10,6 miliardi) sono da ricondurre a soggiorni con pernottamento, che tornano dunque a crescere (+2,2%) dopo il leggero calo registrato nel 2011 e nel 2012, indica l'Ufficio federale di statistica (UST) in una nota odierna.

Anche se la spesa media per pernottamento negli alberghi è rimasta stabile, le entrate sono aumentate dello 0,8%, aggiunge l'UST. I soggiorni di studio e quelli ospedalieri hanno da parte loro generato un nuovo aumento del gettito (+5,5%, pari a +170 milioni), grazie principalmente al maggior numero di studenti stranieri iscritti alle scuole universitarie svizzere e all'aumento dei proventi dai soggiorni ospedalieri.

I prezzi praticati in Svizzera sono diventati un po' più interessanti per i non residenti, sottolinea l'UST, e questo spiega l'aumento delle entrate legate alle escursioni di un giorno e al turismo di transito registrato nel 2013. Le spese legate ai consumi dei frontalieri e dei titolari di permessi di soggiorno di breve durata sono cresciute del 5,0%, a 2,3 miliardi di franchi, rispecchiando l'aumento degli effettivi di tali categorie.

Nonostante la leggera svalutazione del franco e un tasso d'inflazione favorevole alla Svizzera, gli acquisti al di là della frontiera continuano ad essere molto allettanti. Nel 2013 le spese degli svizzeri all'estero hanno registrato una nuova progressione (+4,4%), toccando la cifra record di 14,9 miliardi di franchi.

Questa evoluzione è sostenuta soprattutto dalla crescita delle spese per soggiorni con pernottamento (+5,7%, a 11,1 miliardi di franchi), fa notare l'UST. Le spese effettuate nell'ambito delle escursioni di un giorno e del turismo di transito sembrano invece segnare il passo (+0,6%) dopo gli aumenti significativi del 2011 e del 2012.

SDA-ATS