Navigation

Ikea paga 46 milioni dollari per bimbo ucciso da cassettiera

Il bambino di due anni era morto soffocato nel 2017 in California dopo che una cassettiera del modello Malm prodotto da Ikea gli era caduta addosso. KEYSTONE/AP/MR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 gennaio 2020 - 11:55
(Keystone-ATS)

Ikea ha concordato il pagamento di un risarcimento di 46 milioni di dollari (grossomodo la medesima somma in franchi) ai genitori di un bambino di due anni morto soffocato nel 2017 in California dopo che una cassettiera del modello Malm gli era caduta addosso.

Lo riferisce la Bbc on line. Secondo gli avvocati si tratta del più ingente risarcimento mai accordato per la morte accidentale di un bambino negli Usa.

Nel 2016 Ikea aveva già concordato il pagamento di 50 milioni di dollari a conclusione di una causa comune intentata dalle famiglie di altri tre bambini morti nello stesso modo: due di due anni e uno di 23 mesi.

"Sebbene nessun accordo possa cambiare i tragici eventi, per il bene della famiglia e di tutti coloro che sono coinvolti siamo grati che questa causa sia giunta a conclusione", ha detto un portavoce di Ikea.

I genitori del fanciullo hanno annunciato che doneranno un milione di dollari del risarcimento a organizzazioni che si battono per proteggere i bambini da prodotti pericolosi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.