Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nella sua seduta odierna, il Consiglio nazionale ha:

- SORVEGLIANZA COMUNICAZIONI: deciso, durante l'esame a livello di divergenze della Legge sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni, che la Posta e le imprese di telecomunicazioni dovranno conservare i dati delle conversazioni fra criminali per un massimo di 6 mesi. Queste informazioni dovranno essere conservate in Svizzera. L'oggetto torna agli Stati;

- MULTE DISCIPLINARI 1: approvato - 170 voti contro 19 e 5 astenuti - la revisione della Legge sulle multe disciplinari (LMD). Queste, oggi riservate alle infrazioni commesse dagli automobilisti e al consumo di spinelli, saranno quindi estese anche a violazioni minori come fumare in un locale pubblico, oppure a reati legati all'abuso di alcolici o alla cattura di pesci sotto misura. Il dossier torna agli Stati per divergenze minori;

- MULTE DISCIPLINARI 2: tacitamente bocciato una mozione degli Stati che voleva abilitare le imprese di trasporto a infliggere multe. Per la Camera del popolo, le multe disciplinari vanno riservate alle infrazioni punite d'ufficio. Le violazione della Legge sul trasporto di viaggiatori (LTV) sono invece perseguibili solo su denuncia. Il Nazionale ha però approvato un postulato che chiede al governo di studiare la questione;

- COSTITUZIONI CANTONALI: tacitamente accordato, come già fatto in precedenza dal Consiglio degli Stati, la garanzia federale alle le Costituzioni rivedute dei Cantoni Lucerna, Svitto, Glarona, Soletta, Basilea Città e Appenzello Interno;

- INIZIATIVE POPOLARI: archiviato due mozioni che chiedevano misure per migliorare la compatibilità delle iniziative popolari con i diritti fondamentali. Dato che la questione è stata passata a una sottocommissione, le due mozioni non hanno più ragioni di esistere;

- CRIMINALI PERICOLOSI: approvato, con 156 voti contro 3, una mozione della sua Commissione degli affari giuridici che chiede di definire criteri e standard minimi per disciplinare in maniera uniforme su tutto il territorio nazionale l'esecuzione delle pene per i criminali pericolosi;

- DNA: tacitamente approvato un postulato della sua Commissione degli affari giuridici che chiede al governo di esaminare, nel quadro della Legge sui profili del DNA, la possibilità di non più sopprimere sistematicamente i profili del DNA delle persone condannate. L'esecutivo dovrà anche valutare i diversi termini di conservazione dei profili in questione;

- RIFUGIATI: approvato, con 119 voti contro 59 e 8 astenuti, un postulato che chiede al governo di illustrare le possibilità di migliorare l'integrazione nel mercato del lavoro dei rifugiati riconosciuti e delle persone ammesse provvisoriamente;

- RAZZISMO: respinto, con 126 voti contro 63 e 4 astenuti, una mozione dell'UDC che chiedeva di abrogare la norma contro il razzismo. Per i democentristi, questo articolo del Codice penale nuoce alla libertà di opinione e si intromette nella sfera privata dei cittadini. Il Consiglio federale ritiene invece che l'articolo 261 bis del Codice penale sia lecito: le condizioni per una sua applicazione sono molto severe, ha detto Sommaruga. Anche la recente sentenza della Grande Camera della Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU), che ha confermato la condanna della Svizzera per aver violato la libertà di opinione del negatore del genocidio armeno Dogu Perinçek, ha chiarito che il problema non era dato dalla norma in sé, ma solo dalla sua applicazione;

- BAMBINI NUDI: tacitamente una mozione di Natalie Rickli (UDC/ZH) che chiede al governo di preparare una revisione di legge che punisca il commercio professionale di fotografie e film che mostrano bambini nudi. Il Consiglio degli Stati deve ancora esprimersi.

Ordine del giorno di lunedì 7 marzo 2016 (14.30-19.00):

- Ora delle domande;

- Legge su Innosuisse;

- interventi parlamentari di competenza del DEFR;

- iniziative parlamentari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS