Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La promotrice Marianne Streiff

KEYSTONE/MARCEL BIERI

(sda-ats)

I beneficiari di una rendita AI continueranno a essere definiti "invalidi". Il Consiglio federale non intende utilizzare un altro termine come proposto dalla consigliera nazionale Marianne Streiff (Partito evangelico).

La bernese, insieme ad altri 32 parlamentari, considera l'espressione peggiorativa e discriminatoria.

Invalido viene dal latino "valere" (sano, con valore e merito) unito al prefisso "in", che indica un'impossibilità. "Invalidus" è quindi fortemente peggiorativo poiché significa debole e impotente, si legge nella mozione sul tema della Streiff.

Secondo il governo sarebbe prima necessario trovare un termine senza connotazioni negative e traducibile nelle tre principali lingue, oltre che compatibile con le norme internazionali. Parlare ad esempio di persone handicappate creerebbe confusione, poiché un handicappato non è necessariamente incapace di lavorare e guadagnare.

Infine, se si cambiasse terminologia, sarebbe necessario modificare la Costituzione federale e numerose leggi, oltre che adattare e rinegoziare diverse convenzioni internazionali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS