Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) ha compiuto trent'anni: fu fondato il 12 settembre 1982 a Soletta, da un centinaio di antimilitaristi e pacifisti, con l'obiettivo di giungere all'abolizione delle forze armate. Nel 1989 perse la battaglia in votazione popolare, ottenendo tuttavia per la sua iniziativa il 35,6% dei voti, pari a oltre un milione di cittadini. Da allora la guerra al militare si è trasformata in guerriglia.

Oggi a Berna si sono svolti i festeggiamenti per il trentesimo, presente qualche politico di sinistra che in gioventù ha militato nel GSsE. "Non abbiamo ancora raggiunto il nostro obiettivo - riconosce il Gruppo in un comunicato - ma con la costante messa in questione del pensiero militare, abbiamo tolto alla vacca sacra il suo alone di santità".

Un'esposizione con fotografie e video è stata approntata per questo anniversario del movimento; ma si è svolta anche una tavola rotonda sul tema "Cosa sarebbe la Svizzera senza GSsE?", con la partecipazione dell'ex consigliera nazionale Anne-Catherine Menetrey (Verdi/VD), del direttore di Swisspeace Laurent Goetschel, della consigliera nazionale Jacqueline Badran (PS/ZH), e dell'ex consigliere nazionale di Zugo e vicepresidente dei Verdi Josef Lang.

L'ex europarlamentare tedesco Tobias Pflüger ha tenuto una relazione sulla militarizzazione dell'Unione Europa. Poi in serata la parte ricreativa, con concerti e musica.

Dopo la prima iniziativa per l'abolizione dell'esercito e una politica di pace, respinta il 26 novembre 1989 (nel Giura e a Ginevra venne approvata), nel dicembre 2001 se ne tenne un'altra, ma venne spazzata via con l'80% dei voti. Ma va detto che c'era stato l'11 settembre, con l'attacco terroristico alle Torri Gemelle negli Stati Uniti, tiene a precisare Josef Lang.

Da allora il GSsE non non ha cessato di operare, impegnandosi in iniziative e referendum contro le esportazioni di armi, contro la violenza delle armi, contro i nuovi aerei da combattimento e a favore della soppressione dell'obbligo di prestare servizio militare. Proprio ieri il Consiglio federale ha respinto quest'ultima iniziativa, che ha raccolto 106 mila firme.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS