Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio degli Stati (la cui seduta inizierà alle 15.15) inizia oggi ad affrontare lo spinoso dossier della terza riforma dell'imposizione delle imprese.

Questa riforma è la risposta del Consiglio federale alle pressioni dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e dell'Unione europea (UE), che non vogliono più tollerare sul territorio elvetico gli statuti speciali per le società holding e quelle di gestione, poiché considerate concorrenza sleale.

Per compensare parte delle perdite fiscali che i cantoni subiranno è previsto un aumento della parte dell'imposta federale diretta (IFD) versata a quest'ultimi. Prevista pure l'introduzione di nuovi strumenti fiscali, i cosiddetti "patent box" che, oltre ad essere "eurocompatibili", consentono un'imposizione privilegiata, ossia più bassa, dei redditi generati dalla proprietà intellettuale riconducibile alle attività di ricerca e sviluppo in Svizzera.

Prima i "senatori" dovranno però esaminare le divergenze in merito al Preventivo 2016 della Confederazione. Le discussioni riguarderanno principalmente i mezzi finanziari destinati all'agricoltura. Il Nazionale vorrebbe infatti aumentare di 61 milioni di franchi l'ammontare dei pagamenti diretti destinati ai contadini.

Al Nazionale (13.30 - 19.00) la seduta inizierà con la tradizionale ora delle domande. In seguito la Camera del popolo dovrebbe ratificare la Convenzione per la protezione di tutte le persone dalla sparizione forzata. Tale convenzione - siglata da 90 Paesi e ratificata da 45 - impegna gli Stati a chiarire i casi e portare i responsabili davanti alla giustizia. La sua adozione implica l'inserimento nel Codice penale di un nuovo articolo, che considera la sparizione forzata un delitto.

Il Nazionale dovrebbe poi ratificare l'adesione della Svizzera alla Banca asiatica d'investimento per le infrastrutture (AIIB), istituto finanziario internazionale promosso dalla Cina che si pone come contraltare alla Banca Mondiale di Washington. La partecipazione elvetica ammonta a 706,4 milioni di dollari americani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS