Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Christoph Lanz lascerà la guida dei Servizi del parlamento il prossimo giugno. Il segretario generale dell'Assemblea federale raggiungerà infatti allora l'età del pensionamento. Egli ha annunciato oggi all'Ufficio delle Camere che intende cedere le funzioni per quella data.

Il parlamento dovrà trovare un successore al socialista d'origine basilese. Gli Uffici dei due consigli, riuniti in conferenza di conciliazione, designeranno una persona, che dovrà poi essere confermata dall'Assemblea federale.

Quest'ultima aveva accolto la nomina di Christoph Lanz nel dicembre del 2007, con 171 voti contro 42, per subentrare nel giugno del 2008 alla grigionese Mariangela Wallimann-Bornatico, vicina al PPD. Sebbene favorito, il socialista basilese era stato scartato nel 2000 a favore della signora Wallimann-Bornatico, succeduta alla liberale-radicale Annemarie Huber-Hotz, poi eletta Cancelliera della Confederazione.

Entrato ai Servizi del parlamento nel 1982 quale addetto scientifico, Christoph Lanz è diventato dieci anni dopo segretario del Consiglio degli Stati. Oltre alla sua attività al servizio dell'Assemblea federale, Christoph Lanz ha insegnato diritto parlamentare all'Università di Berna.

Ha studiato a Basilea e Ginevra e ha ottenuto nel 1976 un dottorato in diritto all'Università di Berna. Quindi un Master of Laws alla Facoltà di diritto di Harvard nel 1979.

Il segretario generale dell'Assemblea federale dirige i Servizi del parlamento, lo stato maggiore delle Camere federali. È così responsabile delle prestazioni fornite agli organi parlamentari e ai deputati. Ha pure il compito di mantenere le relazioni con la Cancelleria della Confederazione e con i servizi dei sette dipartimenti federali.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS