Navigation

Il vero viso di Tutankhamon, nato da un incesto

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 ottobre 2014 - 21:05
(Keystone-ATS)

Denti all'infuori, fianchi da donna, un piede storto che lo obbligava a camminare con il bastone. Questo il vero volto di Tutankhamon - frutto di un incesto - un volto ben diverso rispetto alle sue sontuose maschere mortuarie.

Oltre 2000 scansioni e verifiche approfondite grazie a test genetici, sfruttando le tecnologie più avanzate, hanno permesso di scoprire i segreti che il sarcofago d'oro di Tutankhamon custodisce ancora in sé. Così ecco che il 'faraone bambino', rivela un nuovo documentario della Bbc, non era poi così 'perfetto' come la sua immagine è poi stata tramandata nei secoli e addirittura potrebbe essere stato il frutto di un incesto.

Stando alla ricostruzione basata su una 'autopsia virtuale' prodotta attraverso una serie di scan, la realtà fisica di Tutankhamon pare fosse parecchio distante dallo sfarzo e dalla bellezza emanati del suo sarcofago: si è scoperto intanto che zoppicava, a causa di un piede deforme piegato verso l'interno. A conferma di questa sua caratteristica fisica, anche il ritrovamento di 130 bastoni da passeggio all'interno della sua tomba, si legge sul Daily Mail. Emerge inoltre che il faraone egizio, vissuto nel 14esimo secolo a. C., avesse i denti sporgenti e i fianchi femminei.

La scoperta che sembra però ancor più straordinaria è opera di Albert Zink, che guida l'Istituto per le mummie e l'Iceman di Bolzano: studiando il Dna della famiglia reale egiziana, Zink è giunto alla conclusione che i genitori di Tutankhamon potessero forse essere fratello e sorella. Il padre del 'faraone bambino' risulta essere infatti Akhenaton, detto il 'faraone eretico': secondo lo studioso dell'istituto bolzanino questo avrebbe avuto una relazione con sua sorella, da cui potrebbe essere nato Tutankhamon. Non è escluso quindi che possa essere questo il motivo dei suoi molteplici difetti fisici e probabilmente anche causa della sua morte.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?